Emergenza Covid, 300 tamponi a passeggeri non residente in arrivo


Palermo, 22 agosto 2020 – A una settimana dall’avvio dall’attività sanitaria anti-Covid per i passeggeri non residenti in arrivo da Spagna, Grecia, Malta e Croazia, sono trecento i passeggeri che sono stati sottoposti a tampone durante controlli sanitari da parte dei medici dell’Asp in collaborazione con l’Usmaf, l’ufficio della sanità marittima, aeroportuale e di frontiera, nella struttura allestita in air side (video allegato) all’aeroporto internazionale di Palermo, il primo scalo siciliano ad avere attivato, ormai da una settimana, i controlli anti-Covid ai passeggeri non residenti in arrivo dalle zone ritenute a rischio, così come prevedono l’ordinanza del ministro della Salute, l’ordinanza del presidente della Regione Siciliana Musumeci e la circolare dell’assessore regionale Razza). 
Le verifiche sanitarie si svolgono in un’area completamente sterile, allestita in tempi record all’interno dell’aeroporto, nella vecchia aerostazione, con accesso solo dalla zona air side, grazie alla collaborazione di Gesap, la società di gestione dell’aeroporto di Palermo, Polizia di frontiera Carabinieri, Guardia di Fianaza, Dogane, Ksm Enac, ministero della Salute, Usmaf e Asp, GH Palermo e Aviapartner (handler). 
Sono almeno cento invece i passeggeri che si sono presentati ai controlli muniti di certificazione che attesta l’avvenuto tampone molecolare nelle 72 ore precedenti all’ingresso in Sicilia. Viene inteso come termine la data di prelievo del campione, non la data di emissione del referto. 

Le destinazioni del momento